Multiverso

Da Ufopedia.

(Differenze fra le revisioni)
 
Riga 12: Riga 12:
Secondo l'[[ufologia]] il capo di questo [[universo]] sarebbe il [[felinoidi|felinoide]] [[Devin]], il capo del multiverso [[Dio]]. Secondo la [[New Age]] lo scopo delle anime in questo universo sarebbe l'[[Gioco Universale|integrazione delle polarità]], quindi è ipotizzabile che un'anima, dopo aver integrato, possa far domanda di trasferimento in un altro universo, magari uno pacifico (con legge universale più condivisibile). Secondo le religioni abramitiche ([[Ebraismo]], [[Cristianesimo]], [[Islam]]) invece lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe il paradiso, anche per l'[[Induismo]] lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe invece una reincarnazione migliorativa o addirittura il [[Moksa]] (il paradiso indù), per il [[Buddhismo]] lo scopo sarebbe estinguere i desideri e il premio sarebbe una reincarnazione migliorativa o addirittura il [[Nirvana]] (la fine delle reincarnazioni). L'unica razza aliena conosciuta che non è di questo universo è quella dei [[Sei dita]]. Gli [[Angeli]] e forse alcuni tipi di [[Demoni]] possono viaggiare nello spazio e nel tempo, in un universo e forse tra universi diversi. Forse gli [[Alieni mutaforma]] e le [[Sfere di luce]] sono angeli o demoni.
Secondo l'[[ufologia]] il capo di questo [[universo]] sarebbe il [[felinoidi|felinoide]] [[Devin]], il capo del multiverso [[Dio]]. Secondo la [[New Age]] lo scopo delle anime in questo universo sarebbe l'[[Gioco Universale|integrazione delle polarità]], quindi è ipotizzabile che un'anima, dopo aver integrato, possa far domanda di trasferimento in un altro universo, magari uno pacifico (con legge universale più condivisibile). Secondo le religioni abramitiche ([[Ebraismo]], [[Cristianesimo]], [[Islam]]) invece lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe il paradiso, anche per l'[[Induismo]] lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe invece una reincarnazione migliorativa o addirittura il [[Moksa]] (il paradiso indù), per il [[Buddhismo]] lo scopo sarebbe estinguere i desideri e il premio sarebbe una reincarnazione migliorativa o addirittura il [[Nirvana]] (la fine delle reincarnazioni). L'unica razza aliena conosciuta che non è di questo universo è quella dei [[Sei dita]]. Gli [[Angeli]] e forse alcuni tipi di [[Demoni]] possono viaggiare nello spazio e nel tempo, in un universo e forse tra universi diversi. Forse gli [[Alieni mutaforma]] e le [[Sfere di luce]] sono angeli o demoni.
-
'''NB: Può darsi che almeno alcuni universi paralleli siano come il nostro ma con una biforcazione degli eventi che è accaduta nell'altro modo rispetto al nostro (a quanto pare la storia si fa anche coi se e coi ma, vedi l'[[Interpretazione a molti mondi]] della meccanica quantistica di Hugh Everett III) e altri in una delle altre 11 dimensioni astrali che compongono il blocco indivisibile di 12 dimensioni parallele (di cui noi occuperemmo la 3a) che compongono ogni singolo universo del multiverso (vedi [[dimensioni astrali]]).'''
+
'''NB: Può darsi che almeno alcuni universi paralleli siano come il nostro ma con una biforcazione degli eventi che è accaduta nell'altro modo rispetto al nostro (a quanto pare la storia si fa anche coi se e coi ma, vedi l'[[Interpretazione a molti mondi]] della meccanica quantistica di Hugh Everett III) e altri in una delle altre 11 dimensioni astrali che compongono il blocco indivisibile di 12 dimensioni parallele (di cui noi occuperemmo la 3a) che compongono ogni singolo universo del multiverso (vedi [[dimensione astrale]]).'''
== Il multiverso nella [[cosmologia]] ==  
== Il multiverso nella [[cosmologia]] ==  

Versione attuale delle 10:28, 3 giu 2020

Un distributore di giochini per bambini, metafora del multiverso contenente gli universi singoli
Immagine di fantasia di alcuni universi del multiverso
Jorge Luis Borges nel racconto Il giardino dei sentieri che si biforcano ha usato il concetto di universi paralleli prima che fosse sviluppata l'interpretazione a molti mondi della meccanica quantistica.

Per multiverso o superverso si intende un insieme di universi coesistenti e alternativi al di fuori del nostro spaziotempo, spesso denominati dimensioni parallele, che nascono come possibile conseguenza di alcune teorie scientifiche. Il concetto di multiverso viene ripreso anche come ambientazione da molti romanzi di narrativa fantasy o fantascientifica. Il concetto di multiverso fantasy e fantascientifico prende spunto da quello cosmologico. Il concetto New Age equivalente è quello di dimensione astrale.

Una dimensione parallela o universo parallelo (anche realtà parallela, universo alternativo, dimensione alternativa o realtà alternativa) è un ipotetico universo separato e distinto dal nostro ma coesistente con esso; nel senso scientifico del termine, nella stragrande maggioranza dei casi immaginati è identificabile con un altro continuum spazio-temporale. L'insieme di tutti gli universi paralleli è detto multiverso. Alcune teorie cosmologiche e fisiche dichiarano l'esistenza di universi multipli, forse infiniti, in alcuni casi interagenti, in altri no. Un indagatore di questo tema fu Auguste Blanqui, che nel 1872 indagò gli aspetti teorici e filosofici di un universo a infinite dimensioni nell'opera L'Eternité par les astres. Opera anomala nella produzione di Blanqui, essa anticipa elementi che si ritrovano anche in Jorge Luis Borges.

Così come il viaggio nel tempo, il passaggio in una o più dimensioni parallele è un tema classico della fantascienza. Una realtà parallela, nell'ambito del fantastico, è chiaramente un espediente che lascia infinite possibilità, poiché se nella nostra realtà certe cose si sono evolute in altre, in quella parallela potrebbe non essere successo così. L'invenzione di trame basate su una linea storica alternativa ha dato origine al genere distinto dell'ucronia; in tale filone non è generalmente contemplata la compresenza di più dimensioni. A volte il tema della dimensione parallela si lega a quello del viaggio nel tempo, a causa dei paradossi che quest'ultimo può generare.

Secondo l'ufologia il capo di questo universo sarebbe il felinoide Devin, il capo del multiverso Dio. Secondo la New Age lo scopo delle anime in questo universo sarebbe l'integrazione delle polarità, quindi è ipotizzabile che un'anima, dopo aver integrato, possa far domanda di trasferimento in un altro universo, magari uno pacifico (con legge universale più condivisibile). Secondo le religioni abramitiche (Ebraismo, Cristianesimo, Islam) invece lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe il paradiso, anche per l'Induismo lo scopo sarebbe fare il bene e il premio sarebbe invece una reincarnazione migliorativa o addirittura il Moksa (il paradiso indù), per il Buddhismo lo scopo sarebbe estinguere i desideri e il premio sarebbe una reincarnazione migliorativa o addirittura il Nirvana (la fine delle reincarnazioni). L'unica razza aliena conosciuta che non è di questo universo è quella dei Sei dita. Gli Angeli e forse alcuni tipi di Demoni possono viaggiare nello spazio e nel tempo, in un universo e forse tra universi diversi. Forse gli Alieni mutaforma e le Sfere di luce sono angeli o demoni.

NB: Può darsi che almeno alcuni universi paralleli siano come il nostro ma con una biforcazione degli eventi che è accaduta nell'altro modo rispetto al nostro (a quanto pare la storia si fa anche coi se e coi ma, vedi l'Interpretazione a molti mondi della meccanica quantistica di Hugh Everett III) e altri in una delle altre 11 dimensioni astrali che compongono il blocco indivisibile di 12 dimensioni parallele (di cui noi occuperemmo la 3a) che compongono ogni singolo universo del multiverso (vedi dimensione astrale).

Indice

Il multiverso nella cosmologia

Il multiverso è, scientificamente parlando, un insieme di universi coesistenti previsto da varie teorie, come quella dell'Inflazione eterna di A. Linde o come quella secondo cui da ogni buco nero esistente nascerebbe un nuovo universo, ideata dal fisico Lee Smolin. Le dimensioni parallele sono contemplate anche in tutti i modelli correlati al concetto di D-brane, classe di P-brane inerenti la teoria delle stringhe.

« Per Universi paralleli non si intende un insieme di Universi affiancati l'uno all'altro; essi infatti si compenetrano, ma non interagiscono in alcun modo fra loro. »

Hugh Everett III e la sua "interpretazione a molti mondi"

Il concetto di multiverso viene proposto in modo serio per la prima volta nella cosiddetta "Interpretazione a molti mondi" della meccanica quantistica, proposta da Hugh Everett III nella sua tesi di dottorato (The Many-Worlds Interpretation of Quantum Mechanics, abbreviata in MWI); questa interpretazione prevede che ogni misura quantistica porti alla divisione dell'universo in tanti universi paralleli quanti sono i possibili risultati dell'operazione di misura.

La teoria del multiverso proposta da MWI ha un parametro di tempo condiviso. In molte delle sue formulazioni, tutti gli universi costituenti il multiverso sono strutturalmente identici, e possono esistere in stati diversi anche se possiedono le stesse leggi fisiche e gli stessi valori delle costanti fondamentali. Gli universi costituenti sono inoltre non-comunicanti, nel senso che non può esservi un transito di informazioni tra di essi, anche se nell'ipotesi di Everett potenzialmente possono esercitare un'azione reciproca [1].

Interpretazione di Copenhagen

Altre interpretazioni della molti-mondi sono quella di Copenhagen e quella delle "storie consistenti" [2]. In queste ipotesi, lo stato dell'intero multiverso è correlato agli stati degli universi costitutivi dalla sovrapposizione quantistica, ed è descritto da una singola funzione d'onda universale. Simili a questa visione sono l'interpretazione a molteplici storie di Richard Feynman e quella di H. Dieter Zeh a molte-menti.

L'interpretazione a molti mondi (Many Worlds Interpretation) non può spiegare l'apparente universo antropico, questo perché le costanti fisiche di almeno una parte degli infiniti possibili "mondi" sono le stesse. L'interpretazione a molti mondi può, comunque, spiegare l'esistenza (all'apparenza improbabile) di un pianeta come la Terra. Vedasi l'ipotesi "Rare Earth hypothesis": se l'interpretazione a molti mondi fosse corretta, allora esistono così tante copie del nostro universo che l'esistenza di almeno un pianeta come la Terra non é sorprendente.

Teoria delle "bolle"

La formazione del nostro universo da una "bolla" del multiverso venne proposta da Andrej Linde. Questa teoria, nota come teoria dell'universo a bolle si inquadra bene con la teoria ampiamente accettata dell'inflazione cosmica. Il concetto dell'universo a bolle comporta la creazione di universi derivanti dalla schiuma quantistica di un "universo genitore". Alle scale più piccole (quantistiche), la schiuma ribolle a causa di fluttuazioni di energia. Queste fluttuazioni possono creare piccole bolle e wormhole. Se la fluttuazione di energia non è molto grande, un piccolo universo a bolla può formarsi, sperimentare una qualche espansione (come un palloncino che si gonfia), ed in seguito potrebbe contrarsi e sparire dal campo di esistenza. Comunque, se la fluttuazione energetica è maggiore rispetto ad un certo valore critico, si forma un piccolo universo a bolla dall'universo parentale, va incontro ad un'espansione a lungo termine, e permette la formazione sia di materia che di strutture galattiche a grandissima scala.

Una teoria formulata dal fisico Alexander Vilenkin afferma che il multiverso è formato da tanti universi, ognuno dei quali si trova eternamente confinato in una bolla in inflazione eterna (cioè in espansione), incluso il nostro. In alcune zone di una bolla, la deformazione dello spazio-tempo è tale da portare alla formazione di una nuova bolla, aprire un varco verso un nuovo universo; dopo un certo periodo, sempre per effetto della deformazione, la nuova bolla si stacca e si forma un universo del tutto indipendente, senza alcun punto di collegamento con quello di partenza.

Teoria del Multiverso di David Deutsch

Inoltre la "Teoria del Multiverso" conosce una fondamentale argomentazione da parte del fisico David Deutsch, uno dei massimi teorizzatori viventi della computazione quantistica e dei computer quantistici, che prevede proprio nella realizzabilità di tali dispositivi la prova sperimentale di una iper-struttura cosmologica detta appunto multiverso.

Teoria delle stringhe e delle superstringhe

Nell'ambito della teoria delle superstringhe, troviamo un quarto tipo di multiverso, le membrane. Secondo la teoria delle stringhe, la materia è composta da minuscole corde vibranti in uno spazio di 11 dimensioni (10+1), dunque 7 in più dallo spazio 3 D a noi noto (più la dimensione temporale).

Le stringhe potrebbero essere aggregate a membrane 3 D (o più) immerse in uno spazio molto più ampio (iperspazio), ogni membrana è un universo distinto. Alcuni scienziati ritengono che il Big Bang che ha dato origine al nostro universo sia stato originato tra uno scontro tra due o più membrane.

Seconda la teoria delle stringhe e delle superstringhe, le ipotesi di natura corpuscolare e ondulatoria della materia non sono alternative. A un livello più microscopico, la materia appare composta da particelle, che in realtà sono aggregati di cariche energetiche. Ad una dimensione di analisi crescente, queste particelle si presentano composte da energia.

Il costituente primo della materia sono stringhe di energia che vibrano ad una determinata frequenza o lunghezza d'onda caratteristica, e che si aggregano a formare particelle.

Gli infiniti universi paralleli potrebbero coesistere nello stesso continuum di dimensioni, vibrando a frequenze differenti. Il numero di dimensioni necessarie è indipendente dal numero di universi, ed è quello richiesto per definire una stringa (al momento 11 dimensioni). Questi universi potrebbero estendersi da un minimo di 4 a tutte le dimensioni in cui è definibile una stringa. Se occupano 4 dimensioni, queste sono il continuo spazio-temporale: nel nostro spazio-tempo, coesisterebbero un numero infinito o meno di universi paralleli di stringhe, che vibrano entro un range di lunghezze d'onda/frequenze caratteristico per ogni universo. Coesistendo nelle stesse nostre 4 dimensioni, tali universi sarebbero soggetti a leggi aventi significato fisico analogo a quelle del nostro universo.

La novità di questa teoria è che gli infiniti universi non vivono in dimensioni parallele, né necessitano di postulare l'esistenza di più di 4 dimensioni di spazio-tempo. Ciò che consente di definire una pluralità di universi indipendenti non è un gruppo di 4 o più dimensioni per ogni universo, ma l'intervallo di lunghezze d'onda caratteristico.

L'intervallo teorico di frequenze/lunghezze d'onda per le vibrazioni di una stringa determina anche il numero finito/infinito di universi paralleli definibili.

Possibile misurazione degli effetti del multiverso

Nel luglio del 2007 Tom Gehrels dell'University of Arizona ha pubblicato un articolo dal titolo "The Multiverse and the Origin of our Universe" [3], in cui vengono suggeriti degli effetti misurabili dell'esistenza del multiverso.

Ipotesi del Multiverso nella fisica

Laura Mersini-Houghton propose la teoria che il "cold spot" rivelato dal satellite WMAP potrebbe fornire un'evidenza empirica misurabile per un universo parallelo all'interno del multiverso. Secondo Max Tegmark [4], l'esistenza di altri universi è conseguenza diretta delle osservazioni cosmologiche. Tegmark descrive l'insieme generale di concetti correlati che condividono la nozione che esistono altri universi al di là di quello osservabile, e si spinge fino a fornire una tassonomia degli universi paralleli organizzata a livelli [5].

Classificazione

Per poter rendere chiara la terminologia, i fisici George Ellis, U. Kirchner e W.R. Stoeger consigliano l'utilizzo del termine "Universo" per il modello teorico della totalità dello spaziotempo connesso nel quale viviamo, dominio universo per l'universo osservabile o una parte simile dello stesso spazio-tempo, "universo" per uno spazio-tempo generale, che si applica sia al nostro "Universo" oppure ad un altro disconnesso dal nostro, multiverso per una collezione di spazio-tempi non connessi tra di loro, e universo a multi-dominio per riferirsi a un modello dell'insieme di spazio-tempi singoli connessi nella modalità descritta dai modelli della teoria dell'inflazione caotica [6].

I livelli secondo la classificazione di Tegmark descritti secondo la terminologia di Ellis, Koechner e Stoeger sono brevemente descritti in seguito.

Universi a multi-dominio (nell'interpretazione di Ellis, Koechner e Stoeger)

I Livello (Multiverso aperto): Una predizione generica di inflazione cosmologica è quella dell'universo infinito dell'ipotesi ergodica, che, essendo infinito, deve contenere vari volumi di Hubble che adempiano tutte le condizioni iniziali.

Universi con costanti fisiche diverse

II Livello (Teoria dell'universo a bolle di Andrej Linde): Nell'inflazione caotica, altre regioni termalizzate possono avere diverse costanti fisiche, diversa dimensionalità e diverso contenuto di particelle (sorprendentemente, questo livello include anche la teoria di Wheeler sull'universo oscillante).

Multiversi (nell'interpretazione di Ellis, Koechner e Stoeger)

Livello III (Interpretazione multimondo di Hugh Everett III): si tratta di un'interpretazione della meccanica quantistica che propone l'esistenza di universi multipli aventi tutti le stesse costanti fisiche ma che si differenziano per ciò che succede al loro interno: ad esempio, se in un universo una particella elementare subisce l'effetto tunnel, in un altro non lo fa; allo stesso modo, sempre a titolo di esempio, un uomo potrebbe venire ucciso in un universo ma non in un altro e così via. Molti ritengono che l'interpretazione di Everett sia un'estensione conservativa della meccanica quantistica standard, il che vuol dire che se si riesce ad esprimere i suoi risultati nel linguaggio della meccanica quantistica ordinaria, essa non porta a nuovi universi con leggi e costanti fisiche diverse, ossia a nuovi risultati non-contemplati dalla fisica senza interpretazione everettiana, ciò che rende quest'ultima superflua dal punto di di vista del Rasoio di Ockham. Questo, secondo Tegmar, "è un fatto ironico, dal momento che storicamente questo livello è stato il più controverso". Nel settembre del 2007 David Deutsch ha presentato quella che viene considerata una prova dell'interpretazione a molti-mondi [7][8].

Insieme definitivo

Livello IV (insieme definitivo di Tegmark): altre strutture matematiche danno differenti equazioni fondamentali per la fisica. Questo livello considera reale ogni ipotetico universo basato su queste strutture. Siccome esso contiene tutti gli altri insiemi porta a chiusura la gerarchia dei multiversi: non ci può essere un livello 5. La questione ancora aperta riguarda le possibili suddivisioni del livello IV in futuro.

Teoria MT

Un multiverso di una specie differente è stato ipotizzato con l'estensione a 11 dimensioni della teoria delle stringhe conosciuta come Teoria M. In questa teoria il nostro universo, così come gli altri, sono creati da collisioni fra membrane in uno spazio a 11 dimensioni. A differenza di quelli della meccanica quantistica questi universi possono avere diverse leggi fisiche.

In ufologia

In ufologia si pensa che la teoria del multiverso possa essere corretta, in quanto esisterebbero moltissimi universi, ciascuno con un diverso Gioco Universale stabilito da Dio per le creature di quell'universo. E per ogni universo a seconda quanto avanzata è la comprensione del proprio Gioco Universale ogni anima singolarmente e ogni pianeta collettivamente avanza e retrocede in dimensione astrale. Il multiverso sarebbe quindi dotato di n universi ognuno di n dimensioni. Nel nostro universo esisterebbero 12 dimensioni; ma non si può dire con certezza (per quanto sia probabile) che negli altri universi il loro numero rimanga questo. Per le religioni abramitiche (Ebraismo, Cristianesimo e Islam) il gioco sarebbe fare il bene e l'avanzamento coinciderebbe col paradiso (mentre la retrocessione coll'inferno). Per la New Age risiederebbero nel multiverso (cioè potrebbero governare tutti gli universi e passare da un'universo all'altro) Lord Surea e Lord Kuwea e forse il consiglio A.E.O.N. e, sopra tutti, Dio.

Rappresentazioni del multiverso nella fantascienza

Uno dei filoni che più si avvale di tale ambientazione è il genere ucronico, che ha in autori come Philip Dick e Harry Turtledove due fra i maggiori rappresentanti. Pur non appartenendo al genere dell'ucronia, va citato anche il romanzo dello scrittore americano Michael Crichton Timeline in cui una particolare applicazione delle teorie di Everet consente ai protagonisti il viaggio tra universi paralleli. Nell'ambito del fantasy, il termine multiverso è stato usato meno che nella fantascienza, ma è comunque presente, ad esempio nel ciclo del Campione Eterno di Michael Moorcock.

Il concetto di multiverso è abbondantemente utilizzato nei fumetti di supereroi, in particolare da quelli della DC Comics ma anche da quelli della Marvel Comics. Le terre parallele dell'Universo DC (sebbene ridotte nel corso del tempo, per esempio dalla celebre saga Crisi sulle Terre infinite) sono un esempio tipico dello sfruttamento di questa idea nella letteratura disegnata. Anche nei fumetti della Sergio Bonelli Editore, Nathan Never e Dylan Dog (vedere albi nn°43 "Storia Di Nessuno" e 59 "Gente Che Scompare") , viene utilizzata in varie storie la teoria del multiverso.

Nel 2001 il famoso film Donnie Darko tratta il tema degli universi paralleli e del multiverso.

Nel 2001 anche il film The One tratta di universi paralleli dove vivono senza interferenze i 'doppi' di ogni individuo. Un giorno, un agente assegnato al monitoraggio di questi universi paralleli, comincia ad uccidere i 'doppi' di se stesso presenti nelle altre realtà. In questo modo accumula in sè tanta energia da poter affrontare l'unico uomo che gli impedisce di diventare l'unico, 'The one'.

Nel 2004 il film The Chronicles of Riddick ha menzionato il concetto di multiverso.

Nel 2009 è uscito anche il sequel di Donnie Darko: S. Darko.

Narrativa

La dimensione fantastica di Alice nel Paese delle Meraviglie (1865)

Alcuni romanzi e racconti celebri che trattano il tema del passaggio interdimensionale (nota: per le ucronìe - cioè i romanzi di storia alternativa - vedi invece la voce Ucronia).

Opere cinematografiche

Serie televisive

Fumetti

Arti grafiche

Videogiochi

Cartoni animati e Anime

Nella serie dell'Uomo Ragno degli anni novanta, uno degli episodi vede il protagonista collaborare con alcune sue controparti provenienti da vari universi paralleli allo scopo di fermare un ulteriore Uomo Ragno (chiamato Spider-Carnage) che vuole impossessarsi di tutte le realtà. Alla fine viene a sapere di un universo in cui è un personaggio fumettistico e offre dei suggerimenti a Stan Lee (l'ideatore di molti dei supereroi della Marvel Comics) su come agire per narrare le sue avventure.

Nel film di animazione Fullmetal Alchemist "Il Conquistatore Di Shamballa" il protagonista si ritrova in un mondo parallelo (precisamente a Berlino nel 1923) in cui non può usare l'alchimia che non ha alcun potere.

Nel manga Tutor Hitman Reborn! è presente un'intera saga dedicata all'argomento.

Fan fiction

Un sottogenere delle fan fiction viene chiamato AU (alternate universe, universo parallelo, appunto); in esso le vicende narrate prendono una piega diversa rispetto a quella della storia originale cui si fa riferimento (ad esempio un episodio di un cartone o di un telefilm).

Note

1^ Max Tegmark, The Interpretation of Quantum Mechanics: Many Worlds or Many Words?

2^ Deutsch, David, David Deutsch's Many Worlds, Frontiers, 1998.

3^ Tom Gehrels, The Multiverse and the Origin of our Universe

4^ Max Tegmark, Universi Paralleli, Le Scienze, giugno 2003

5^ Max Tegmark, 2003 January 23, Parallel Universes, accessdate 2006-02-07, (PDF).

6^ Ellis George F.R., U. Kirchner, W.R. Stoeger, Multiverses and physical cosmology, Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol 347, pag 921-936, 2004, accessdate 2007-01-09

7^ Breitbart.com, Parallel universes exist - study, Sept 23 2007

8^ Merali Zeeya, Parallel universes make quantum sense, New Scientist, issue 2622, 2007-09-21, accessdate 2007-10-20 (Summary only).

Bibliografia scientifica

Voci correlate

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Menu principale
Strumenti