Insettoidi

Da Ufopedia.

Una rappresentazione di un Insettoide
Statua raffigurante il mothman (Point Pleasant, West Virginia)
Una rappresentazione dei cosiddetti "grigi"
Una mantide religiosa nostrana
La costellazione dello Scorpione
La costellazione della Vergine
Zeta Reticuli nella costellazione del Reticolo.
Colomba e ragno simboli islamici, quindi si pensa che gli insettoidi abbiano connessione con l'Islam.

Gli Insettoidi (derivati dall’evoluzione non lineare della genetica degli insetti, o, per parafrasare Sebastiano Di Gennaro e il suo Homo Saurus, Homo Insectis) o i Mothman (letteralmente, Uomo Falena) sono razze con frequenza di avvistamento minore sulla Terra, ma non meno inquietante. Sono umanoidi anche se con grossi occhi e antenne sporgenti. Tranne i Grigi, non appartengono alla Fratellanza Oscura o all'Impero di Orione ma formano una popolazione a parte.

Il caso più famoso di un avvistamento di un insettoide è avvenuto in U.S.A. a metà del secolo scorso, in cui la creatura venne successivamente chiamata l'uomo falena.

Nella Classificazione Steiger corrisponderebbero ad alieni di tipo Delta.

Un tipo di insettoidi (ma che sono affiliati o all'Impero di Orione o all'Impero draconiano) sono i Grigi.

Le mantidi sembra abbiano avuto connessioni con gli ebrei (e quindi probabilmente con gli anunnaki).

Vedi la voce Insetti in Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Insecta

Indice

Da bibliotecapleyades

Lo Scorpione nella Mitologia

Selkis (o anche Serket, Selqet, Selket, Selkit, Serqet) era, nella religione egizia, la dea scorpione della magia, dea funeraria insieme a Iside, Nefti e Neith, aveva il compito di proteggere uno dei vasi canopi: Qebeshenuf, dalla testa di falco, che conteneva gli intestini.

Veniva rappresentata con l’immagine stilizzata di un pungiglione di scorpione sul capo, più raramente con l'immagine di un scorpione con il volto da donna e nella sfera medica, proteggeva dalla puntura dello scorpione, degli insetti velenosi e dei serpenti.

La dea, inoltre, veniva associata alla costellazione dello Scorpione, tanto che nel Libro dei Morti degli antichi egizi, molte delle creature celesti cercavano di ostacolare il viaggiatore in tutti i modi; ad esempio, cercando di rubare al morto il testo senza il quale egli sarebbe perduto, e la loro condotta, da come era descritta nei testi sull’Aldilà, risultava nel complesso strana.

Così, nel capo.32 del Libro dei Morti, il coccodrillo dell’Ovest fu accusato di aver divorato certe stelle, ma l’Anima ben premunita sapeva come affrontare i mostri celesti e il viaggiatore si rivolse, quindi, al coccodrillo del Nord con queste parole:

“Va indietro, perché la dea Selkis è dentro di me e io non l’ho ancora data alla luce”.

Ma Selkis, situata al di sopra della coscia del Toro rappresentava un opposizione anche al perpetuo centro dell’attenzione Sirio/Sothis.

Addirittura nell’epopea di Gilgames, Enkidu malato e in preda alle allucinazioni, la considerava una “puttana”, madre di sette figli con i quali intratteneva con essi rapporti sconvenienti. Originariamente, la parte di cielo che ci è nota come Bilancia era infatti occupata dalle chele dello Scorpione, infatti i Greci chiamavano questa zona Chelai (in latino Chelae), che significa appunto «chele», una identificazione che perdura nei nomi delle singole stelle della Bilancia.

Oggi, a separazione avvenuta, la Bilancia è una costellazione appena più grande dello Scorpione, ma molto meno visibile. L'influenza di tale non separazione dei due segni zodiacali si trova riflessa in alcune raffigurazioni basate sulle opere astronomiche degli autori greci antichi. Gemino, scrittore che fiorì verso l'80 a.C., fu il primo che distinse il settimo segno zodiacale, utilizzando il termine Zugos, tradotto poi da Cicerone come Jugum.

Il termine Libra fu formalmente adottato dai Romani nel Calendario giuliano. Nella mitologia questa figura mitica risultava essere lo scorpione che punse a morte Orione il cacciatore, per quanto ci siano resoconti diversi a riguardo delle circostanze in cui ciò avvenne.

Eratostene ne offre due versioni, nella sua descrizione dello Scorpione dice che Orione cercò di violentare Artemide, la dea della caccia, e che lei mandò lo scorpione a colpirlo, una versione che è sostenuta da Arato di Soli. Ma quando parla di Orione, Eratostene dice che la Terra mandò lo scorpione a pungere Orione dopo che lui si era vantato di potere uccidere qualsiasi animale selvaggio.

Anche Igino riporta entrambe le storie, mentre Arato dice che la morte di Orione avvenne sull'isola di Chio, ma Eratostene e Igino la fanno accadere a Creta: in entrambi i casi, la morale è che Orione fu punito per la sua tracotanza.

Sembra che questo sia uno dei miti greci più antichi e che la sua origine potrebbe derivare semplicemente dalla sua posizione nel cielo, dato che le due costellazioni sono sistemate una di fronte all'altra in modo che Orione tramonta mentre il suo conquistatore, lo scorpione, sorge. Ma in realtà la costellazione è molto più vecchia dei Greci stessi, poiché i Sumeri la conoscevano come GIR-TAB, lo Scorpione, più di 5000 anni fa.

Lo Scorpione effettivamente assomiglia a uno scorpione vero e proprio, soprattutto nel particolare della disposizione ricurva delle stelle che formano la coda, con il pungiglione sollevato pronto a colpire, tanto che le vecchie carte celesti mostrano un piede di Ofiuco che goffamente si sovrappone al corpo dell'animale.

La costellazione dello Scorpione

Lo Scorpione (in latino Scorpius, abbreviato in Sco) è una costellazione dello zodiaco e si trova tra la Bilancia ad ovest e il Sagittario ad est.

L'eclittica transita solo nella parte superiore della costellazione, entrando nell'Ofiuco prima di arrivare al Sagittario, ma essendo una delle più brillanti costellazioni del cielo, si individua con estrema facilità ed è uno dei principali riferimenti nel cielo stellato. Lo Scorpione non è una costellazione particolarmente estesa, ma contiene una disposizione di stelle luminose che ben ricordano la figura di uno scorpione, inoltre, si trova vicino al centro della Via Lattea, il quale ricade tra le costellazione dell'Ofiuco e del Sagittario.

La sua stella più appariscente è la rossa Antares, il cuore dello scorpione e la costellazione, possiede, inoltre, il più alto numero di stelle di magnitudine più brillante di 3,0.

La costellazione si snoda poi verso sudest rispetto ad Antares, dapprima con una concatenazione di stelle di seconda e terza grandezza e poi con un gruppo più raccolto nella parte più meridionale, in sovrapposizione con uno dei tratti più brillanti della Via Lattea. Lo sfondo dell'intera costellazione ad occhio nudo appare molto ricca di stelle, grazie alla presenza di alcune associazioni di stelle giovani relativamente vicine a noi.

Lo Scorpione è una costellazione dell'emisfero australe, dalle regioni europee è osservabile per intero solo dalle coste mediterranee, ossia a partire dal 45º parallelo nord. Nell'emisfero australe invece è ben visibile per gran parte dell'anno, i mesi migliori per la sua osservazione comunque sono quelli che corrispondono all'estate boreale, da maggio ad agosto.

Nell'emisfero nord è una delle più tipiche figura dei cieli estivi, tanto che il suo tramontare subito dopo il tramonto del Sole indica che l'estate volge al termine. Grazie alla sua posizione sovrapposta alla Via Lattea, il cui centro ricade poco distante, questa costellazione comprende molti oggetti del profondo cielo, concentrati in particolare nella parte sud-orientale.

Tra gli ammassi aperti, uno dei più luminosi è M7, ben visibile anche ad occhio nudo, è formato da un gran numero di stelle a partire dalla sesta magnitudine, un altro ammasso ben noto, a breve distanza, è il denominato Farfalla, (M6), più piccolo del precedente, ma visibile anch'esso ad occhio nudo e risolvibile con facilità.

Di grande importanza è NGC 6231, posto nella parte più meridionale della costellazione, che risulta collegato anche ad altri ammassi aperti vicini, tutti visibili ad occhio nudo come un'unica macchia chiara allungata da nord-est a sud; si tratta in realtà di una vasta e brillante associazione OB, nota come Scorpius OB1, posta nel cuore del Braccio del Sagittario, il braccio di spirale galattico subito più interno al nostro.

Un altro ammasso aperto, NGC 6124, si trova poco ad ovest di questo sistema, vicino al confine con il Regolo. M80 è un altro ammasso globulare, meno esteso in dimensioni apparenti, ma più concentrato, visibile pochi gradi più a nord, mentre tra le nebulose planetarie, la più brillante è la Nebulosa Farfalla (NGC 6302) una nebulosa bipolare dalla forma molto complessa.

Un grande complesso di nebulose diffuse circonda il gruppo di stelle della testa, da Graffias fino ad Antares, questo sistema, noto come IC 4606, si estende anche al di fuori dello Scorpione, andandosi a congiungere con un altro sistema di nebulose oscure ben visibili come macchie d'ombra sul chiarore della Via Lattea nella costellazione dell'Ofiuco.

Lo Scorpione contiene anche alcune stelle con un sistema planetario conosciuto ma molto remote, alcune situate proprio nel bulge galattico, fra queste vi sono OGLE-2005-BLG-071L e OGLE-2005-BLG-390L, probabilmente delle nane rosse, la prima con un gigante gassoso e la seconda con una super Terra.

PSR B1620-26 è invece una pulsar situata all'interno dell'ammasso globulare M4, che possiede un pianeta, soprannominato "Matusalemme", con una massa doppia rispetto a quella di Giove.

Il Sistema Solare e il pianeta nel quale vivono

Dalle informazioni raccolto sino ad oggi nelle nostre ricerche, sappiamo che il loro sistema solare è formato da 4 pianeti interni di tipologia terrestre:

Infine, si trova un gigante gassoso grande il doppio di Giove, un pianeta molto instabile, probabilmente una stella nana mancata, mentre oltre la “fascia interna” se ne trova un’altra, ma formata da asteroidi e planetoidi di varia grandezza, composizione e forma.

Data la mole del gigante gassoso, molti asteroidi vengono assorbiti dalla forza magnetica provocando spettacolari impatti sul pianeta gigante, rendendolo ancora più instabile. Il terzo pianeta è unico e particolare, anch'esso come il pianeta delle Mantidi non ha grandi formazioni geologiche, quanto piuttosto è per la maggior parte pianeggiante, ricoperto per il 90 % di acqua dolce e di una fitta foresta pluviale (il restante 10 % è solo di terre emerse); su questo pianeta la vita si è sviluppata maggiormente, non solo per varietà e complessità della flora, ma anche della fauna.

La razza delle Mantidi vive su un pianeta semiarido, una sorta di mondo simile al nostro deserto del Sahara o i deserti americani, molto secco, con poche zone umide, dove ai poli continua questa aridità ma ovviamente molto più fredda (anche se non c’è del ghiaccio, salvo in minuscole quantità).

Su youtube

aahttps://www.youtube.com/watch?v=ndaQu_n3ofk

Voci correlate

Collegamenti esterni

http://www.pleias.bravehost.com/

http://it.wikipedia.org/wiki/Insettoide

link

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Menu principale
Strumenti