Dolicocefalia

Da Ufopedia.

Versione delle 21:20, 10 mar 2014, autore: Marc.soave (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

La dolicocefalia è un termine antropologico che si riferisce a quei soggetti umani in cui lo sviluppo del cranio vede prevalenza della lunghezza sulla larghezza.

Indice

Etimologia

Il termine deriva etimologicamente dal greco e vuol dire “cranio” “lungo”.

Dolicocefalia indotta

La dolicocefalia si riferisce anche a una deformazione del cranio indotta. Nelle antiche civiltà come quella azteca e quella egizia era diffusa la pratica di allungare i crani dei neonati con l'ausilio, inizialmente, di fasciature dette "rituali" in seguito di vere e proprie assi di legno che modificavano con la crescita le normali saldature delle ossa del cranio rendendolo appunto allungato.

Si crede che tale usanza avesse il fine di aumentare le capacità cerebrali del soggetto. Tuttavia la modifica delle ossa non è in grado di indurre alcun aumento della capacità volumetrica. D'altronde non è stata provata alcuna relazione tra la massa cerebrale e l'intelligenza.

È da mettere in evidenza la somiglianza che i crani dolicocefali hanno con alcune statuine votive presumeriche. Questo potrebbe spiegare la deformazione dei crani come la volontà di un avvicinamento anche somatico con la divinità.

Dolicocefalia congenita

La Dolicocefalia può essere però classificata anche come anomalia genetica (malformazione umana di Smith), che potrebbe partire da un processo detto craniosinostosi, comportante la fusione prematura di una o più suture craniche.

In ufologia

Sembra che la Dolicocefalia abbia significato nel passato un contatto dell'umanità con gli alieni. Si veda gli anunnaki e i grigi. Sarebbe il caso che si facciano studi a tappeto di tipo archeologico, medico e genetico sulla Dolicocefalia per distinguere i casi naturali da quelli alieni.

Galleria immagini

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Menu principale
Strumenti